Condividi
Home » Natura e Territorio

Biocenosi (trottoir Vermetus)

1 - Localizzazione della Biocenosi

  • Piano: Infralitorale superiore
  • Intervallo Batimetrico: da -20 a -50 cm
  • Ambiente: Zone di risacca attiva
  • Idrodinamismo: Medio-Alto
  • Salinità: 37.39‰
  • Temperatura: 37°-39° C.

La facies a Vermetidi si localizza al livello medio del mare e spesso forma dei plateau in diverse zone del Mediterraneo.

2 - Descrizione
I Vermetidi sono dei gasteropodi sessili che si sviluppano in prossimità del livello medio del mare.
Questi organismi associati all'alga calcarea Neogognolithon brassica-florida, edificano delle formazioni ecologiche di tre tipi:

  1. Forma in cornice o encorbellement: al di sotto del livello medio del mare su pareti rocciose sub-verticali. Nel Mediterraneo occidentale queste formazioni sono ricoperte dalle alghe Neogognolithon brassica-florida e Lithophyllum lichenoides.
  2. Forma di atollo: osservata nel Mediterraneo orientale Israele e Creta, e alle Bermuda, si tratta di un edificio arrotondato e depresso al centro.
  3. Forma a "trottoir": la struttura tipo descritta in Sicilia, è una superficie di corrosione orizzontale sviluppata nella roccia calcarea.

Nel Mediterraneo occidentale la posizione del trottoir è al di sotto del livello medio del mare e si situa al limite superiore del piano Infralitorale.
Nel Mediterraneo orientale si trova nel piano Mediolitorale a 20 30 cm al disotto del livello del mare.

3 - Specie caratterizzanti
Forme particolari di costruzione biologica. In generale, Dendropoma petraeum se si sviluppa sui bordi estremi della costruzione, mentre Vermetus triqueter si dispone sul fondo della costruzione.

4 - Interesse per la conservazione
L'interesse per questo habitat consiste nell'essere un indicatore del livello medio del mare e un buon indicatore della linea di riva.
Spesso si ritrovano nel Mediterraneo trottoir fossili risalenti all'Olocene.
Il trottoir a Vermetidi costituisce un elemento importante del paesaggio del Mediterraneo.
In questa formazione abita una ricca fauna di Anellidi e di organismi distruttori tra i quali i Sipunculidi

5 - Tendenze evolutive, vulnerabilità, potenziali minacce
Questa facies è direttamente sottoposta all'azione dell'inquinamento di origine diversa, come quello che proviene da alcune miniere e dai fosfati.
L'utilizzo di prodotti tossici per la pesca può far uscire i diversi organismi dalle loro tane, per essere utilizzati come esce, contribuendo alla loro mortalità.
Inoltre le forme piatte a Vermetidi sono distrutte dall'azione del turismo costiero.
L'eutrofizzazione delle acque nelle zone urbane causa un'invasione da parte delle Ulvales. Queste formazioni piatte possono essere i siti d'impianto di specie introdotte. Si cita il caso del bivalve lessepssiano Brachidontes pharaonis che ha rimpiazzato il mollusco Mytilus galloprovincialis.

6 - Gestione e stato di conservazione
Oltre alla sorveglianza della qualità delle acque litorali, è necessaria un'educazione del pubblico per valorizzare queste superfici a Vermetidi la cui edificazione è un fenomeno molto lento.
Questa biocenosi costituisce un patrimonio nazionale ed internazionale e la specie Dendropoma petraeum si ritrova sulla lista delle specie minacciate.
Promozione e creazione di aree protette per la salvaguardia della biodiversità.
Al fine di conoscere lo stato della vitalità del trottoir sono stati avviati differenti studi: inventario della fauna e della flora associata, dinamica della costruzione, biodistruzione, datazione, etc.

© 2022 - Comune di Ventotene
Piazza Castello n. 1 04031 Ventotene (LT)
Tel 0771/854226 Fax 0771/854061
Email: info@riservaventotene.it
Partita IVA: 00145130597 - Posta certificata
URP - Privacy - Note legali - Elenco siti tematici